Il Ristorante ‘L Fuiè – Rochemolles – Bardonecchia


Una comunità alpina isolata in una valle impervia a più di 1600 di quota, si dice addirittura fondata dai Saraceni nell’anno 100, una chiesa della metà del XIV secolo, in continua lotta con i rigori dell’inverno, i difficili collegamenti con il fondo valle, le slavine ricorrenti e devastanti.
L’inserimento nei nostri programmi è stato voluto proprio per questo essere rimasto rappresentazione della severità della vita delle comunità alpine, della necessità di far fronte comune ai problemi che man mano si proponevano con la cooperazione e la nascita delle corvée, della capacità di trovare un equilibrio tra lo sfruttamento del territorio e il suo rispetto. Di nuovo camminare sui sentieri non sarà solo il piacere del paesaggio e dell’attività fisica in sé, ma sarà leggere le storie nascoste tra i pascoli e le montagne. Sarà così più facile comprendere i cibi, la loro semplicità, in apparenza simili quelli di una valle ad un’altra, ma in realtà diversi, proprio perché ogni formaggio ha un sapore differente ed ogni luogo ha una variante nelle ricette che le rende uniche e non omologabili.
Nei dintorni, oltre alla rete di sentieri di collegamento con la vicina Francia si è appena aperta la possibilità di collegare il Tour dell’Ambin con quello del Thabor, un trekking adatto però solo a buoni camminatori. Più semplice la Decauville – un percorso in piano che portava dai Bacini dello Jafferau alla diga di Rochemolles – costruita negli anni 30.


« | »
X